Con le sue numerose discipline, le Olimpiadi di Pechino 2022 sono attualmente in corso e nel pieno della forma: Beijing dal 2008 ha cambiato veste, ma dimostra di essere pronta ad organizzare un evento di dimensioni globali, tra Pechino e le province su cui si estende l’intera manifestazione.

Unica città ad aver ospitato sia le Olimpiadi estive, nel 2008, che quelle invernali, le attuali, Beijing è anche la seconda capitale di sempre ad essersi prestata ad organizzare i giochi invernali: prima di Pechino, solo Oslo si era cimentata in questo progetto che ha il potere di mettere letteralmente a soqquadro un’intera città.

Le cose da sapere sulle olimpiadi invernali di Pechino 2022

Ci sono un po’ di curiosità che vale la pena sapere prima di addentrarci tra le discipline della manifestazione. Per esempio, le prime Olimpiadi Invernali furono svolte a Chamonix, in Francia, nel 1924. Da allora, i giochi si sono svolti con cadenza quadriennale, modernizzandosi sempre più. Tra i paesi che hanno vinto più medaglie nella totalità delle manifestazioni invernali, spicca la Norvegia, con il record di 368 medaglie.

Tra i dettagli che rendono le Olimpiadi un evento a tutto tondo e che nascondo significati ben più profondi di quanto si pensi, c’è la mascotte: ogni Olimpiade ne ha una. La mascotte riprende la cultura del paese ospitante, e diventa il simbolo del messaggio che il paese di appartenenza desidera mandare al mondo intero. Nel caso di Pechino 2022, questo compito è stato affidato a Bing Dwen Dwen, un panda. Il nome Bing significa “ghiaccio”, simbolo di potenza naturale, e “Dwen Dwen” è un richiamo ai bambini, il vero futuro di questo nostro mondo. La Cina ha voluto dunque mandare un messaggio di forza e attenzione verso le generazioni più giovani, con una mascotte “tenera” e “apprezzabile” globalmente da tutti.

Le discipline in gara

Le discipline invernali sono parecchie, e riuscire a stare al passo di tutte le competizioni può risultare a dir poco difficile. Perciò, facciamo un po’ di chiarezza: quanti e quali sono gli sport in gara alle Olimpiadi di Pechino 2022?

A Beijing 2022, le discipline saranno 15, appartenenti a 7 sport diversi. Le discipline, in ordine alfabetico, sono le seguenti: Biathlon, Bob, Combinata Nordica, Curling, Sci Freestyle, Hockey su ghiaccio, Pattinaggio di figura, Pattinaggio di velocità, Salto Alpino, Sci alpino, Sci di fondo, Short Track, Skeleton, Slittino e Snowboard.

Iniziamo dai grandi classici: lo Sci domina come sempre lo spettacolo, con ben 5 discipline sia maschili che femminili, e una mista – il Parallelo a squadre miste. Complessivamente, contando tutti gli eventi con medaglie delle Olimpiadi di Pechino 2022, il CIO ne ha aggiunti sette, portando tale numero a quota 109. Lo Sci di fondo è ancora più ricco di eventi, con ben 6 discipline per categoria. Ma a eventi per disciplina vince senza dubbio il Pattinaggio: quello di figura consta di “solo” 5 eventi, di cui solo uno prettamente femminile o maschile, mentre gli altri tre saranno spettacoli misti. Spetta dunque al pattinaggio di velocità il record di discipline, con ben 14 diverse gare, che potranno dimostrare la versatilità di tale sport.

Le discipline più particolari di Pechino 2022

Inutile nasconderci dietor un dito, o anzi: dietro un cumulo di neve. Lo sci, lo snowboard, il pattinaggio: sono queste le discipline che la maggior parte di noi sceglieranno di seguire, sintonizzandosi ad orari improbabili e facendo di tutto per non perdersi quella tal gara. Ma gli azzurri sono presenti anche in quegli sport che – culturalmente – conosciamo meno, ma che sono in grado di divertire e di trasmettere livelli di adrenalina alle stelle.

il bob

A proposito di adrenalina, avete mai visto una gara di Bob? Il Bob è una pallottola, e viaggia ad una velocità di 130 km/h. Inizialmente esistevano solo le competizioni a 4, ma nel 1932 venne presto aggiunto anche il Bob a 2. Di tutti i numeri di questa disciplina, sciocca quello femminile: la categoria femminile infatti venne introdotta solo nel 2002. Tra piste lunghe più di un kilometro e curve che fanno venire i brividi solo a guardarle, il Bob si classifica, insieme a Skeleton e Slittino, tra gli sport più adrenalinici dei Giochi olimpici. E qual è, di queste discipline, la più pericolosa?

Lo skeleton e lo slittino

Innanzitutto, possiamo dire che lo Skeleton è l’unica tra le tre discipline ad essere sempe e solo prettamente individuale. Ma la differenza, in temrini di sicurezza, la fa la slitta: a differenza di quella dello slittino, lo Skeleten ne utilizza una più sottile ma allo stesso tempo più pesante, permettendo all’atleta un controllo maggiore del mezzo; questo lo rende meno pericoloso dello Slittino, considerato ufficialmente lo sport più pericoloso tra quelli da slitta. A causa dlela posizione del guidatore – pancia in giù e testa in avanti – lo Skeleton è anche la più lenta delle tre discipline. Lo slittino è lo sport più veloce alle Olimpiadi: i pattini sono più taglienti di quelli del Bob, e perciò più difficili da controllare.

GLi azzurri a pechino 2022

Gli italiani che stanno prendendo parte alle Olimpiadi di Pechino 2022 sono 118. Obiettivo medagliere? Superare i Giochi di Pyeongchang. In Corea, l’Italia portò a casa 10 medaglie. Obiettivo di quest’anno è rimanere sulla doppia cifra, superandola. Ad oggi, l’Italia si posiziona settima nel medagliere totale, con 2 ori, 4 argenti e 1 bronzo, che ci fa sperare in un ottimo risultato finale. Ad oggi, le medaglie sono state:

  • Pattinaggio di velocità – 3000 mt: Francesca Lollobrigida, argento
  • Short Track – Staffetta Mista: Martina Valcepina, Arianna Fontana, Andrea Cassinelli, Pietro Sighel, argento
  • Slittino – singolo: Dominik Fischnaller, bronzo
  • Short Track – 500 mt: Arianna Fontana, oro
  • Sci alpino – slalom gigante: Federica Brignone, argento
  • Sci di fondo – sprint tl: Federico Pellegrino, argento
  • Curling – doppio misto: Stefania Constantini, Amos Mosaner, oro

Continuiamo a seguire le Olimpiadi invernali di Pechino 2022 e a tifare per i nostri azzurri: ci aspettiamo grandi cose dai nostri atleti.

Ti è piaciuto l’articolo? Leggi anche QUI