fbpx

Origini e curiosità della Ginnastica Artistica

Origini e curiosità della Ginnastica Artistica

Le origini della Ginnastica Artistica ci portano in un mondo lontano, fatto sì di lunghe e distanti storie, ma anche di curiosità e stranezze, che rendono questo sport, uno dei più spettacolari.

Le Origini della Ginnastica Artistica

La ginnastica artistica trova le sue più profonde radici nelle popolazioni egiziane, cinesi, e greche, per la precisione: micenee. C’è da dire, però, che la ginnastica artistica dell’epoca, era ben diversa dal nostro attuale concetto della disciplina.

Con “ginnastica” venivano comunemente identificate l’atletica, il pugilato, e la lotta. Tutte pratiche che identificavano un rango sociale basso, o addirittura “lo schiavo”. Perciò, veniva ignorata dai più nobili. Tuttavia, l’allora definita “ginnastica” fu la più antica disciplina delle Olimpiadi antiche (776 a.c.).

L’Ottocento: rivoluzione dello Sport

Per poter finalmente assistere allo sviluppo dell’attuale Ginnastica Artistica, dobbiamo fare un balzo in avanti di parecchi secoli: fu, infatti, sol nell’800, che la disciplina più scenografica che esista prese effettivamente forma.

La sua nascita avvenne grazie a due pedagogisti (e qui possiamo già immaginare l’impatto educativo che uno sport come la ginnastica desidera promuovere). F.L. Jahn e P. Ling erano due uomini agli antipodi, ma nella realtà, fu proprio il considerare la ginnastica da due diversi punti di vista, che permise loro di costruire letteralmente le fondamenta di questo immenso sport.

Il primo, Jahn, era infatti convinto che la ginnastica andasse accompagnata da attrezzi e strumenti, che potessero aiutarne la pratica, e renderla ancora più spettacolare. Ling invece, sottolineava invece l’importanza di tutte quelle tecniche ed esercizi che non necessitavano di strumenti esterni, ma permettevano al corpo umano di svilupparsi al meglio, solo grazie alle proprie leve corporee.

Un altro soggetto fondamentale nella nascita di questo sport, è sicuramente Adolf Spiess, il tedesco che si occupò di ginnastica collettiva, ed insieme agli altri due pedagogisti, unificò il mondo della Ginnastica Artistica sotto un unico grande sport.

Ed è proprio alla fine di questo secolo di rivoluzioni, che la Ginnastica Artistica trovò il suo posto anche in Italia: inizialmente la ginnastica entrò nelle scuole e negli istituti, finchè nel 1869, finalmente, nacque a Venezia la Federazione Ginnastica Italiana (FGI), nonché la prima e più antica federazione sportiva dell’Italia.

La Ginnastica Artistica oggi

Nell’era moderna, la Ginnastica Artistica è cresciuta sempre più, sviluppandosi sia tra i maschi che tra le femmine, in modi diversi, ma paralleli.
A proposito di parallele, sia nelle categorie femminili che in quelle maschili esiste la disciplina delle parallele. Mentre nei maschi le parallele sono poste alla stessa altezza e vengono quindi dette “simmetriche” o “pari”, in quella femminile sono asimmetriche. Anche il volteggio e il corpo libero esiste sia per i maschi che per le femmine; tuttavia, anche qui, le differenze tra le competizioni maschili e femminili trovano notevoli differenze.

La ginnastica artistica maschile, in generale, prevede sei specialità, che oltre alle sopracitate sono: sbarra, anelli, e cavallo con maniglie, tutte presenti solo tra le categorie maschili.
Quella femminile invece, ne prevede quattro: volteggio, parallele asimmetriche, corpo libero e trave. 

Le più importanti competizioni di Ginnastica Artistica

La Ginnastica Artistica oggi rappresenta uno sport dall’enorme portata, e proprio per questo capire come funzioni questo sport e quali siano le competizioni più importanti può risultare più complicato del previsto.
In generale, possiamo dire che le competizioni più importanti a livello internazionale sono tre: le olimpiadi, i campionati mondiali, e le coppe del mondo.

Olimpiadi:

Ogni quattro anni, le prime otto squadre che si sono classificate a livello mondiale ottengono automaticamente il pass olimpico. Le restanti otto dovranno invece affrontare un Test pre olimpico, grazie al quale le prime quattro classificate potranno a loro volta entrare a far parte della squadra a cinque cerchi.

Mondiali:

I mondiali di Ginnastica Artistica sono un grandissimo evento, sia a livello mediatico che a livello di competizioni. Tutti i paesi che fanno parte della Federazione Internazionale possono prendervi parte, e l’intero torneo è suddiviso in gare individuali e di squadra. Per diversi anni si sono svolti a cadenza irregolare, ma ad oggi paiono aver trovato il loro equilibrio in un appuntamento annuo, reso immancabile dalla spettacolarità dell’evento. La cadenza annuale salta un gradino ogni quattro, in concomitanza con le Olimpiadi.

Coppa del Mondo

Le coppe del mondo sono più di una, e la partecipazione del singolo dipende dai risultati ottenuti nelle altre competizioni a livello mondiale sopracitate. È una gara letteralmente riservata “ai migliori ginnasti del momento”. Ad ogni tappa si guadagnano dei punti, e a fine circuito, il primo posto spetta all’atleta che nelle varie coppe ha ottenuto, sommandoli, il punteggio più alto.

Tokyo 2020+1

Alle Olimpiadi di Tokyo 2020cheèdiventato2021, dalla squadra italiana ci aspettiamo grandi cose.
Ecco chi sono, a detta degli esperti, gli atleti nazionali e internazionali da tener d’occhio quest’estate:

Simone Biles

Non servono presentazioni per l’atleta con la A maiuscola. Questo Weekend in America si sono svolte le prime competizioni nazionali americane, in cui la Biles ha dato letteralmente spettacolo: la campionessa olimpica ha portato un salto mai fatto da una donna al volteggio, prendendo 16.100. Della serie, partire con il piede giusto. C’è chi la vede già un oro sicuro nell’All-around (gara individuale su 4 attrezzi) e nelle specialità di volteggio e corpo libero. Vedremo.

Larisa Iordache

Classe 1996, Larisa è una potentissima ginnasta rumena. Molto forte sugli attrezzi a partire dal 2013. Con una trave eccezionale, Larisa è il pilastro della nazionale rumena. Purtroppo ha avuto un bruttissimo infortunio che l’ha portata a rientrare in gara agli ultimi europei. Anche qui, è riuscita a prendere il pass olimpico, ma purtroppo il giorno delle finali non ha potuto gareggiare a causa di calcoli renali. Per fortuna, nonostante la sfiga ci veda benissimo, Larisa vede meglio. E non vediamo l’ora di poterla vedere noi, su grandi schermi di Tokyo.

Viktoria Listunova

La piccolina della classe, se così si può dire, è la russa Listunova. Nata nel 2005, Viktoria è campionessa mondiale juniores (2019), e campionessa europea del concorso individuale nel 2021. Per la nuova stella della madrepatria russa, c’è chi la dà già per favorita. Quanto riuscirà a brillare alla sua prima Olimpiade? Rimanete sintonizzati, perché ne vedremo delle belle.

Giorgia Villa

Ed ora, passiamo al tricolore. Giorgia Villa, classe 2003, a soli dieci anni si trasferisce a Brescia per poter vivere di fianco alla sua palestra, ed allenarsi al meglio. A volte i sogni si avverano, ma serve duro lavoro, costanza, e diciamocelo, talento. Il suo attrezzo preferito è la trave, e ad oggi è l’asso nella manica dell’Italia. La vedremo alle Olimpiadi di Tokyo, e siamo tutti qui a tifare per lei. Forza Giorgia!

Le gemelle D’Amato

Asia e Alice sono state soprannominate “le gemelle d’Italia”. Come se due gemelle non condividessero per natura già abbastanza, Asia e Alice hanno svolto lo stesso percorso agonistico. E chissà cosa scorre nel loro DNA, ma una cosa è certa: le due ragazze hanno il talento nelle vene, e si vede: a Stoccarda, agli Europei, le due italiane hanno riportato l’Italia sul podio a squadre, dopo la bellezza di 69 anni. Se i presupposti sono questi, non possiamo che incrociare le dita e accendere le televisioni.

Insomma, sarà un’estate molto calda e una guerra molto accesa.
La Ginnastica Artistica è lo sport dalle origini lontane e dai contorni sfumati. La domanda è: chi ne scriverà il futuro?

Siete pronti per le Olimpiadi di Tokyo 2020+1?
Noi sì.
E le nostre atlete, pure.


FONTI:

https://2icudine.edu.it/wp-content/uploads/sites/225/Ginnastica-artistica-origini-e-curiosit%C3%A0.pdf
https://www.sportmagazine.it/altri-sport/2020/12/21/ginnastica-artistica-storia/?refresh_ce
https://www.skuola.net/educazione-fisica/ginnastica-discipline-svolgimento.html#:~:text=La%20ginnastica%20artistica%20maschile%20prevede,trave%2C%20parallele%20asimmetriche%20e%20volteggio
https://www.tuttogreen.it/ginnastica-artistica-regole-attrezzi/
https://www.vanityfair.it/sport/storie-sport/2021/05/06/olimpiadi-tokyo-viktoria-listunova-nuova-stella-ginnastica?refresh_ce=
https://www.sportmagazine.it/altri-sport/2021/01/13/giorgia-villa-storia/?refresh_ce
https://www.repubblica.it/sport/vari/2019/10/09/news/asia_alice_gemelle_d_italia-238083696/

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *